6 consigli per non prendere fregature dai broker

consigli utili vademecum

Dopo aver letto alcuni commenti lasciati da novizi trader, rimasti delusi in alcuni casi, ed arrabbiati in altri, ho deciso di scrivere una sorta di vademecum per evitare di prendere fregature con un qualsiasi broker.

Il vademecum è strutturato in forma di consigli, anche perché non è possibile fare di tutta l’erba un fascio, e poi ognuno di noi ha avuto esperienze personali sia positive che negative con il medesimo broker, ciò perché le valutazioni non potevano che essere soggettive.

Vademecum per non farsi fragare dai broker

Se volete utilizzare le opzioni binarie, ma allo stesso tempo non farvi fregare dal broker, e per fregare intendiamo in maniera ampia tutta una serie di problematiche riscontrate da trader inesperti, vi consiglio di seguire i seguenti consigli:

1. Scegliete solo Broker autorizzati

Molti di voi hanno subito delle vere e proprie truffe, e qui il termine truffa è corretto, utilizzando siti internet di società non autorizzate. Un broker è una società finanziaria e per offrire servizi finanziari, come ad esempio le opzioni binarie, necessita di una autorizzazione. Il 99% dei broker di opzioni binarie autorizzati possiede una licenza Cysec (Cyprus Securities and Exchange Commission), ovvero l’autorità di vigilanza di Cipro, qui il sito internet.

Chi possiede la licenza Cysec soggiace alle normative imposte dall’organo Cipriota, e subisce periodici controlli, sia in fase di richiesta, sia in seguito, per assicurare di possedere tutti i requisiti necessari atti ad offrire servizi finanziari. Da un punto di vista formale dunque, se un broker possiede la licenza è sicuro ed autorizzato. I broker con licenza Cysec richiedono alla Consob la registrazione, quindi, basta recarsi sul sito dell’organo di controllo Italiano per fare una ulteriore verifica.

Il numero di licenza/registrazione e tutti i dati della sede societaria li trovate solitamente nelle sezioni “chi siamo”, “contattaci”, “dove siamo”, e comunque nel footer, cioè la parte bassa della home page del sito. Se mancano questi dati o se sono incompleti, diffidatene. Le esperienze di utenti che hanno utilizzato broker senza licenza sono catastrofiche. In molti non sono riusciti non solo a prelevare quanto guadagnato, ma neanche il deposito iniziale.

2. Seguite il money management

Seguire un corretto money management è fondamentale per la riuscita della nostra attività. Seguire correttamente il money management significa depositare una somma di denaro sufficiente ai nostri scopi e contemporaneamente aprire posizioni congrue al capitale depositato. Ogni posizione non dovrebbe essere superiore al 5% del proprio saldo, meglio se il 2-3%.

Questa regola va seguita sempre, quindi, se si inzia con un capitale di 500€, è scorretto aprire posizioni di 50€ per volta. Quando il capitale sarà cresciuto, bisognerebbe prelevare una parte delle vincite, e continuare con la rimanente parte di capitale. Ad esempio, se da 500€ il capitale dovesse passare a 1.500€, io preleverei 500€, lascerei sul conto 1.000€ e modificherei il money management sulla base del nuovo saldo.

3. Non depositare più di quanto si è disposti a perdere

Questa è una di quelle regole che bisognerebbe seguire alla lettera. Si deposita solo quanto si è disposti a perdere. La probabilità di prosciugare il conto è molto alta, soprattutto per i principianti, quindi, non depositate mai denaro che non potete permettervi di perdere. Non seguite i suggerimenti del consulente, dell’amico o di qualche Guru del web, se non avete denaro che potete perdere, non utilizzatelo.

Ho letto di trader che hanno iniziato con soli 200€ e poi dopo qualche giorno, dopo aver raggiunto piccoli risultati, hanno versato 30.000€. Dopo aver perso tutto, hanno criticano il consulente per le scelte sbagliate e gridato alla truffa. Adesso, come sono andati realmente i fatti lo sanno solamente i trader che si sono trovati in questa situazione, purtroppo, questa è una di quelle situazioni che si verificano perché non si conosce il settore e perché non si segue un money management, ma ci si affida al caso, o peggio ancora a terzi soggetti, quali ad esempio i consulenti del broker.

4. Non fatevi abbindolare da false promesse

Se qualcuno vi dice che vi farà guadagnare montagne di soldi in poco tempo con le opzioni binarie non credeteci, non è vero. Se vi garantiscono risultati non credeteci, non si può garantire alcun risultato. Non ascoltate dunque promesse troppo rosee, potreste rimanerci veramente delusi. Molti si sono lamentati dei consulenti del broker, ovvero di coloro che telefonano dopo l’apertura del conto ed in molti casi seguono il trader inesperto.

Io non posso dirvi quanto siano bravi o meno questi consulenti, che poi ogni broker ha i propri, perché non li ho mai ascoltati. Per fortuna mia, non ho mai avuto il piacere di farli parlare per più di 15 secondi. Io ritengo, per quanto mi riguarda, di non aver bisogno di consigli non proprio obiettivi, tutto quello che mi serve l’ho sempre cercato da me. Lo faccio anche nella vita di tutti i giorni, così, se mi chiama un qualche operatore che mi vuole proporre un’ offerta commerciale, non rispondo direttamente, e quando mi capita di rispondere, una volta capito di cosa si tratta, chiudo dopo un nano secondo, ovviamente salutando e ringraziando.

E’ possibile che il consulente sia veramente bravo e competente, ma a me non interessa, preferisco fare di testa mia, almeno se dovessi perdere potrò prendermela solo con me stesso. Quindi, il mio consiglio è di non dare peso a quello che vi dice il consulente assegnato, non solo perché non sapete se veramente competente, ma anche perché prima di ogni cosa è un venditore, e per lui vendere significa farvi depositare denaro. E’ vero che non potrà mai estorcervi denaro con la forza, ma ho letto di commenti di gente che si è fatta convincere a depositare tutti i propri risparmi. Se il consulente vi fa perdere 10.000€, non potrete certo chiederli indietro al broker.

5. Non tutti i consulenti sono esperti

Non tutti i consulenti sono esperti, competenti ed onesti. I consuleti sono prima di tutto dei venditori. Un venditore guadagna se riesce a vendere. Per loro vendere significa farvi depositare denaro. Non so quanta verità ci sia nelle critiche di alcuni commenti letti in giro, ma credo di aver capito che alcuni consulenti spingono oltre modo il proprio ruolo, fino a suggerire al trader di accendere un prestito per rimpinguare il conto.

Se ciò fosse vero sarebbe moralmente scorretto e deplorevole, anche se bisogna dire che poi siamo noi a decidere se depositare o meno, nessuno ci può obbligare a farlo, quindi, se versiamo denaro, anche tutti i nostri risparmi e poi li perdiamo, la colpa è solo nostra. Nessuno ci ha costretto a farlo.

Qualcuno si è lamentato del fatto che per incentivarti a depositare, il consulente bravo, prima suggerisce posizioni corrette, quindi, dopo che il trader ha versato tutto il proprio denaro, svanisce come nulla fosse (lasciando il trader solo), oppure suggerisce malamente (facendogli azzerare il conto). In ogni caso, il problema si risolve in un solo modo, non si ascolta il consulente e si segue un corretto money management.

6. Non si accettano bonus

Attenzione: Aggiornamento 30.11.16 – Secondo la nuova circolare Cysec c168 nessun broker potrà erogare più bonus senza una specifica autorizzazione.

Molti utenti si lamentano delle difficoltà di prelevare il proprio denaro. Prima di lamentarsi però, io suggerirei di prendere visione delle condizioni imposte dal broker, ed accettate dal trader con la registrazione ed il deposito del denaro.

Nessun broker può limitare il prelievo del denaro depositato, però, se accettate un qualsiasi bonus, sarete costretti a rispettare le condizioni dello stesso. Di solito, la condizione più rilevante prevede la necessità di raggiungere un certo volume di trading prima di poter riscuotere il bonus stesso, ma anche di poter prelevare qualsiasi guadagno.

Questo significa in soldoni, che se accettate un bonus, potete scordarvi la possibilità di prelevare qualsiasi somma vinta, a meno di non raggiungere il volume di trading richiesto nelle condizioni. Capita spesso dunque, che il trader inesperto accetti il bonus, vinca del denaro, e poi ne richieda la riscossione, ricevendo un no dal broker. A questo punto grida alla truffa. Purtroppo non è truffa, ma un modo legale per rendervi la vita difficile.

Il problema è facile da risolvere, non accettate bonus di alcun genere ed altre promozioni di qualsiasi tipo, le quali impongono sempre condizioni il più delle volte difficili da rispettare.

Lascia un commento