Opzioni binarie Truffa? No, sono difficili, solo il 3% ce la fa.

truffa-opzioni-binarie

Opzioni binarie sono legali?

Molti si lamentano delle opzioni binarie oppure delle piattaforme che utilizzano, ma le opzioni binarie e i broker sono delle truffe? No cari lettori, le opzioni binarie non sono delle truffe, né tantomeno lo sono i broker autorizzati, tuttavia bisogna capire per bene alcuni elementi di questo settore.

Iniziamo con l’oggetto della questione, ovvero le opzioni binarie. Queste sono considerate come uno strumento finanziario altamente speculativo, e quindi decisamente rischioso. Il prodotto è legale, offerto da molte società finanziarie, ovvero i broker, ma a causa del sistema aggressivo con il quale vengono pubblicizzate, hanno ricevuto in questi ultimi anni molti commenti negativi.

Le opzioni bnarie come strumento per diventare ricchi

Purtroppo, la formula di far passare le opzioni binarie come degli strumenti semplci per fare soldi facili ed in breve tempo, attira molti inesperti, convinti che per fare palate di denaro sia facile come bere un bicchiere d’acqua, pur rimanendo asciutti di finanza, di economia e di analisi tecnica e fondamentale.

E’ come dire che i calciatori guadagnano milioni di euro e visto che diventano ricchi, tutti possiamo fare i calciatori ed ottenere gli stessi risultati. E’ sbagliato dire che un calciatore guadagna milioni di euro? Certo che no, ma è chiaro ed evidente a tutti che sono veramente pochi gli atleti in grado di raggiungere questi risultati.

Quindi, sebbene un calciatore possa diventare milionario, non è altrettanto vero che chiunque possa fare il calciatore, ed anche se fosse, non tutti i calciatori sono in grado di raggiungere certi livelli. Se consideriamo il mondo delle opzioni binarie, possiamo dire che tutti possono provarci, basta una connessione, un pc o un cellulare e una piccola disponibilità di denaro e si può iniziare.

Iniziare non significa però necessariamente vincere, anzi, chi non capisce una mazza di analisi tecnica, è destinato a perdere e a scambiare le opzioni binarie per un gioco da casinò. Non tutti sono portati per questo settore, e chi è portato non è detto che raggiunga risutati eccellenti, un po’ come accade ai calciatori.

Statisticamente, il 97% di chi inizia con il trading non arriva ad un anno di attività, si ritira prima per vari ragioni, e capirete che la più rilevante è quella di non riuscire ad ottenere risultati degni di nota. Il rimanente 3% continua, ma di questi, quanti realmente si arricchiscono?

Questo significa che il mondo del trading crea una flotta di aspiranti trader che poi si rivelano perdenti, quindi di utenti insoddisfatti, arrabbiati, delusi, furiosi e comunque non sempre consci del prodotto che hanno utilizzato. Se su 100 persone ben 97 perdono, è chiaro che non ci si può aspettare una preponderanza di commenti positivi.

Inoltre, gli utenti scontenti sono più propensi degli utenti soddisfatti nel lasciare commenti, morale della favola, è più facile trovare gente che critica opzioni binarie e broker, piuttosto che gente che ne elogia le caratterstiche positive.

I broker non autorizzati

Per non fare di tutta l’erba un fascio, è anche vero che alcuni di quelli che ci hanno provato hanno riscontrato vere e proprie difficoltà, ad esempio affidandosi a broker non autorizzati, oppure accettando bonus che poi non sono stati in grado di sbloccare.

Il primo problema si risolve scegliendo broker che abbiano almeno una licenza, come 24option, autorizzato dalla Cysec e registrato presso la Consob, per il secondo invece basta non accettare alcun bonus.

Altri utenti lamentano invece i più disparati problemi, si va dalla difficoltà di prelevare denaro, al conto demo. La maggior parte di questi problemi si risolverebbe leggendo in prima battuta la pagina dei termini e delle condizioni del broker, per gli altri invece basta un po’ di esperienza e soprattutto non ascoltare mai i consigli dell’account manager, un semplice venditore messo dall’azienda per venderti qualcosa, come adesempio un bonus, un deposito maggiore, una strategia strampalata.

Ma al di là di questi inconvenienti, se veramente hai desiderio di rimanere in questo settore, il mio consiglio è di fare tutto il contrario di quello che fa il 97% degli aspiranti trader che perdono:

  • Scegli un broker autorizzato
  • Non accettare bonus
  • Non ascoltare gli account manager o i consulenti
  • Non depositare denaro che non puoi perdere
  • Fai pratica in giro, soprattutto con un conto demo
  • Leggi tanto, analisi tecnica e fondamentale
  • Leggi le informazioni finanziarie ed economiche
  • Non scoraggiarti dopo i primi insuccessi
  • Non utilizzare la martingale
  • Non credere alle favole e agli Unicorni volanti
  • I robot automatici non funzionano
  • Non utilizzare segnali inviati da terze parti, fai da te.

Lascia un commento